L’RSI, Indice di Forza Relativa, elaborato da J.W. Wilder nel 1978, è estremamente popolare, soprattutto tra i traders sul mercato dei futures. E’ calcolato con la seguente formula:

RSI = 100 – [100 / 1 + RS]
RS = media delle chiusure al rialzo di x giorni / media delle chiusure al ribasso di x giorni

Per il calcolo è solitamente usato un periodo di 14 giorni. Più breve è il periodo, più sensibile diventerà l’oscillatore. Di conseguenza, se si desidera che le oscillazioni diventino più evidenti, sarà necessario accorciare il periodo, mentre lo si dovrà, al contrario, allungare quando lo si vuole smussare e contenere nei movimenti.

Come utilizzare l’RSI

L’RSI viene collocato su una scala verticale da 0 a 100. I movimenti al di sopra del 70 sono considerati in ipercomprato, mentre i movimenti al di sotto del 30, in ipervenduto.
Solitamente sul grafico dell’oscillatore appaiono delle linee orizzontali a 70 e a 30, e i traders utilizzano questi livelli per generare dei segnali di Call o di Put.
Un movimento sotto i 30, come già detto indica una fase di ipervenduto e se un trader ritenesse che il mercato stia “toccando il fondo” potrebbe essere un’opportunità di acquisto.
Al contrario un movimento sopra i 70 potrebbe essere un’opportunità di vendita.

Tuttavia, nelle fasi di trend, il fatto che l’RSI sia in forte ipercomprato in un mercato rialzista o in forte ipervenduto in un mercato ribassista è una conferma della forza del trend e dunque potrebbe rimanere in questa situazione anche per molto tempo.
Così come per tutti gli altri indicatori anche per questo oscillatore si consiglia di non utilizzarlo in maniera sistematica e senza l’ausilio di un’analisi tecnica accurata magari supportata dall’utilizzo di altri indicatori.

rsi

Le divergenze e le convergenze tra il prezzo e l’RSI sono considerate da molti traders la caratteristica più indicativa dell’Indice di forza relativa.
Le divergenze, quando l’indicatore si trova oltre i 70, indicano un possibile indebolimento dell’uptrend mentre le convergenze indicano un possibile indebolimento del downtrend.

Infine, un altro possibile utilizzo dell’RSI è quello di considerare gli incroci tra l’indicatore e la linea del 50 come segnali di acquisto o di vendita. L’incrocio dal basso verso l’alto sarà un segnale di Call, l’incrocio dall’alto verso il basso un segnale di Put.