Bonus per opzioni binarie
Roberto Napoli Nessun commento

Quanti di voi hanno cominciato a fare trading accettando un bonus per opzioni binarie e, dopo qualche mese alla richiesta di prelievo dei propri soldi si sono sentiti rispondere dall’account manager che non era possibile perchè accettando il bonus avevano accettato anche i termini e condizioni relativi ad esso che non permettevano di prelevare nessuna cifra dal conto prima di aver fatto un certo “volume di trading” ?

Probabilmente molte persone accettano il bonus senza nemmeno sapere esattamente come funziona e senza rendersi conto che esso li vincolerà a quel broker per molti mesi e, quando chiedono di poter prelevare ecco la sorpresa!

Non si può pensare che il broker possa regalare soldi ai traders permettendo di prelevare tutto e subito dopo pochissime operazioni, sarebbe troppo comodo, ma non è nemmeno corretto che il broker vincoli il deposito o gli eventuali profitti che vengono generati.

Pian piano lo hanno capito tutti, molto spesso i bonus per opzioni binarie sono stati utilizzati come strumento per attirare nuovi traders inesperti e “intrappolarli” attraverso termini e condizioni che li costringevano a effettuare una mole di operazioni abnorme per il loro capitale.
Tutto questo non ha fatto bene al mondo delle opzioni binarie che tutt’oggi sono associate a termini come frode e inganno, ma da qualche mese sembra che le cose siano cambiate.

Come sono cambiati i bonus per opzioni binarie

Bonus per opzioni binarieLa Cysec (Cyprus Securities and Exchange Commission), l’ente che rilascia le licenze e che controlla le transazioni finanziarie dei broker online con sede fiscale a Cipro, in seguito alle tante lamentele da parte dei commercianti che hanno visto “sequestrati” i propri soldi, ha deciso di intervenire in materia di bonus per opzioni binarie attraverso delle direttive che obbligano i broker a rivedere le loro offerte commerciali.

Attraverso la circolare del 22 Gennaio 2015 la Cysec ha sottolineato che vincolare i fondi degli operatori significa violare la direttiva DI144-2007-01 la quale contiene tutte le disposizioni relative al ritiro dei fondi dei clienti. Il CIF (società d’investimento con sede a Cipro) deve agire in modo corretto e professionale nei confronti dei clienti nel servire loro i servizi finanziari.

Gli effetti di questa stretta da parte dell’ente regolatore cipriota sono evidenti da qualche mese con dei nuovi bonus offerti dai broker che da un lato sono meno allettanti in quanto il volume di trading necessario per prelevarli è aumentato, ma allo stesso tempo si possono prelevare in qualsiasi momento sia il deposito che i profitti generati, anche se in quest’ultimo caso ci sono delle lievi differenze da broker a broker e bisognerebbe scendere nel dettaglio per individuare l’offerta migliore alle proprie esigenze di trading.

Riassumendo, i broker possono porre limiti e condizioni per prelevare il bonus, ma non possono vincolare in nessun modo i capitali degli operatori.
A mio avviso con questo cambiamento ci si è mossi nella giusta direzione, verso un trading più trasparente e più professionale nei confronti dei traders che troppe volte non sono stati tutelati abbastanza.

Se state riscontrando qualche inadempienza da parte di un broker regolamentato Cysec che non sta rispettando l’attuale normativa o volete semplicemente raccontare la vostra esperienza scrivete pure il vostro commento.
L’unione fa la forza!